McDonnell Douglas DC-9

 

Con l'Ingresso del DC-9 nella flotta Itavia, nel 1971, la compagnia compie un significativo passo in avanti, incrementando non solo la capacità di posti offerti, ma soprattutto il range delle operazioni. Prende quindi avvio con regolarità il servizio internazionale dela compagnia, e vengono incrementate notevolmente le rotte nazionali in concessione, configurando il network Itavia in modo efficiente e capillare.

L'Itavia operò in totale undici esemplari del DC-9, di tre differenti versioni. Cinque esemplari della serie 14 e 15 furono acquistati dalla compagnia tra il 1971 e il 1977, mentre altri 6 vennero noleggiati in periodi diversi per sopperire ad esigenze stagionali o di incremento dellle attività.

 

DC-9 I-TIGA Itavia 

I-TIGA

 

DC-9-14, poi trasformato in versione cargo F, N/c 45728, progressivo di costruzione 14. propulsori: Pratt & Whitney JT8D-7BHK da 6350 Kg di spinta

 

Effettuò il primo volo il 5 novembre 1965, entrando in servizio con Bonanza immatricolato come N945L e successivamente con Air West. Venne consegnato all’Itavia nell'ottobre 1971, e successivamente trasferito alla Airborne Express il 1 agosto 1983.

 DC-9 I-TIGB Itavia

I-TIGB

 

DC-9-15, poi convertito nella versione cargo F, N/c 47002, Progressivo di costruzione 105. Propulsori: Pratt & Whitney JT8D-7 da 6350 Kg di spinta


Effettuò il primo volo il 9 febbraio 1967, entrando in servizio con Saudi Airlines come HZ-AEC. Successivamente ceduto alla Viasa che lo immatricolò come YV C-ANV, e poi con Aeropostal immatricolato come YV-02C. Venne venduto all'Itavia nel 1977, e da questa successivamente ceduto dopo la cessazione delle attività alla Airborne Express il 28 luglio 1983, immatricolato come N926AX. Questo esemplare è precipitato a Philadelphia (USA) il 6 febbraio 1985 (foto di Ian Oswald).

DC-9 I-TIGE Itavia  I-TIGE

 

DC-9-15, poi trasformato in versione cargo F, N/c 45717, progressivo di costruzione 20. Propulsori: Pratt & Whitney JT8D-7BHK da 6350 Kg di spinta.


Effettuò il primo volo il 5 gennaio 1966, entrando in servizio il 12 marzo successivo con la Hawaiian Airlines immatricolato come N901H. Venduto all'Itavia l'8 dicembre del 1971, e da questa successivamente ceduto dopo la cessazione delle attività alla Airborne Express il agosto 1983, immatricolato come N927AX.

DC-9 I-TIGI Itavia  I-TIGI

 

DC-9-15, N/c 45724, progressivo di costruzione: 22. Propulsori: Pratt & Whitney JT8D-7 da 6350 Kg di spinta


Effettuò il primo volo il 18 gennaio 1966, per essere poi consegnato 29 marzo successivo alla Hawaiian Airlines immatricolato come N902H. Venduto all'Itavia il 27 febbraio 1972. Il 15 novembre 1977, durante una sosta notturna a Cagliari, a causa di un fortunale, l’aereo si era “appoppato” riportando danni al pattino di coda. Il giorno dopo, rientrato senza passeggeri a Roma/Ciampino, veniva preso in consegna dai tecnici e riparato con la sostituzione della parte danneggiata con un kit originale della McDonnell Douglas. La sera del 27 giugno 1980 precipitò in circostanze misteriose al largo dell'Isola di Ustica, provocando la morte delle 81 persone a bordo. 

DC-9 I-TIGU Itavia  I-TIGU

 

DC-9-15, N/c 45718, progressivo di costruzione 17. Propulsori: Pratt & Whitney JT8D-7BHK da 6350 Kg di spinta


Effettuò il primo volo il 9 dicembre 1965, per essere poi consegnato alla KLM immatricolato come PH-DNA. Venne poi venduto all'Itavia nel 1977, e da questo caduto dopo la cessazione delle attività alla Airborne Express il 28 agosto 1983, immatricolato come N928AX. Successivamente trasferito alla Midwest Express Airilnes il 15 marzo 1984, inizialmente con la stessa registrazione, poi mutata in N300ME. Trasferito il 28 febbraio 2003 alla Midwest Airlines e reimmatricolato nuovamente come N928AX, per essere successivamente venduto il 17 settembre 2003 alla USA Jet Airlines, che lo trasformò in versione VIP. L'aereo è attualmente operativo.

 DC-9 N1798U Itavia N1798U

 

DC-9-31, N/c 47369, progressivo di costruzione 529. Propulsori: Pratt & Whitney JT8D-7BHK da 6350 Kg di spinta

 

Effettuò il primo volo il 31 luglio del 1969, venendo successivamente consegnato alla Hawaiian Airlines il 31 ottobre dello stesso anno immatricolato come N1798U. Venne noleggiato dall'Itavia l'11 febbraio del 1974 tramite la Chase Manhattan Bank, e restituito all'inizio del mese di luglio del 1976 (sempre mantenendo l'immatricolazione americana). Il 27 luglio del 1976 venne venduto alla Southern Airways, mantenendo la medesima immatricolazione, e da questa successivamente venduto alla Republic Airways il 1 luglio del 1979. L'1 ottobre del 1986 venne acquistato dalla Northwest Airlines, che lo utilizzò sino al 19 luglio del 2003, quando venne ritirato dal servizio e accantonato sull'aeroporto di Marana.

 DC-9 N609HA Itavia N609HA

 

DC-9-51, N/c 47676, progressivo di costruzione 785. Propulsori: Pratt & Whitney JT8D-7BHK da 6350 Kg di spinta.


Effettuò il primo volo il 6 agosto del 1975, venendo consegnato il 10 settembre dello stesso anno alla Hawaiian Airlines immatricolato come N609H. L'Itavia lo noleggiò 14 giugno 1976 al 19 giugno 1977, mantenendolo in una livrea ibrida basata sullo schema della Hawaiian Airlines e con il nome Itavia sulla fusoliera. Ceduto successivamente alla Eastern Airlines il 17 ottobre del 1980, immatricolato come N418EA, e da questa trasferito alla TWA il 16 agosto del 1993. Il 18 giugno 2000 è stato acquistato dalla USA Jet Airlines e accantonato a Detroit come sorgente di pezzi di ricambio.

 DC-9 N7465B Itavia N7465B

 

DC-9-33CF, N/c 47465, porogressivo di costruzione 584. Propulsori: Pratt & Whitney JT8D-7BHK da 6350 Kg di spinta

Effettuò il primo volo il 9 marzo 1970, venendo successivamente trasferito alla Balair il 14 aprile successivo immatricolato come HB-IDN. Il 7 novembre 1976 venne acquistato dalla MvDonnell Douglas, reimmatricolato come N7465B, e noleggiato all'Itavia dal 29 aprile 1977 al mese di luglio del 1981, quando venne restituito stante l'impossibilità di ripresa delle operazioni di volo della compagnia. Il 16 novembre del 1981 venne acquistato dalla American International Airways, e da questa venduta alla Airborne Express il 2 gennaio 1985, che lo reimmatricolò come N932AX. Il 15 agosto del 2003 venne venduto nuovamente alla ABX Air, che a sua volta lo cedette il 12 dicembre del 2019 alla Everts Air, ch ne modificò l'immatricolazione in N932CE il 30 settembre del 2011. L'aereo è attualmente attivo.

 DC-9 N94454 Itavia N94454

 

DC-9-33RC, N/c 47291, progressivo di costruzione 343. Propulsori: Pratt & Whitney JT8D-7BHK da 6350 Kg di spinta.

Effettuò il primo volo 17 giugno 1968, venendo trasferito poi alla Martinair Holland il 21 luglio successivo immatricolato come PH-MAN. Venduto poi alla Hawaiian Airlines il  novembre 1973, e reimmatricolato come N94454. L'Itavia lo noleggiò dal 21 ottobre 1978 al maggio del 1981, quando venne restituito successivamente alla cessazione di tutte le attività. Il 15 settembre 1981 venne noleggiato dalla American International Airways, e restituito alla Hawaiian Airlines il 18 settembre 1984. Venne poi venduto alla Airborne Express il 2 gennaio 1985, e da questa reimmatricolato come N933AX, e successivamente venduto il 15 agosto 2003 alla ABX Air. Dal 2010 risulta accantonato sull'aeroporto di Wilmington, Ohio (USA).

 DC-9 N934F Itavia N934F

 

DC-9-32CF, successivamente trasformato nella versione cargo F, N/c 47148, progressivo di costruzione 246. Propulsori: Pratt & Whitney JT8D-7BHK da 6350 Kg di spinta

Effettuò il primo volo il 26 dicembre 1967, venendo successivamente consegnato il 25 gennaio 1968 alla ONA (Overseas National Airlines) immatricolato come N934F. Ceduto poi il 13 giugno 1972 alla Hawaiian Airlines con la stessa immatricolazione, che lo affittò all'Itavia dall'8 gennaio del 1979 al 22 novembre del 1980 (sempre mantenendo l'immatricolazione americana). Rientrato alla Hawaiian Air, venne poi affittato dalla stessa alla American International Airways dal 15 ottobre 1981 al 18 settembre 1984. Venne poi venduto alla Airborne Express e da questa reimmatricolato come N909AX il 2 gennaio del 1985, e successivamente trasformato in versione F nel luglio del 1985. Il 15 agosto del 1983 venne venduto alla ABX Air, e da questa successivamente venduto il 18 agosto del 2009 alla Dynamic Aviation Group. Il 23 ottobre del 2012 è stato infine venduto alla Aeronaves TSM, e accantonato come sorgente di parti di ricambio.

 DC-9 OY-KGF Itavia OY-KGF

 

DC-9-21, N/c 47308, progressivo di costruzione 474. Propulsori: Pratt & Whitney JT8D-7BHK da 6350 Kg di spinta


Effettuò il primo volo il 13 marzo 1969, venendo successivamente consegnato alla SAS il 31 marzo successivo immatricolato come OY-KGF. L'Itavia noleggiò questo aereo, completo di equipaggi, per far fronte alle esigenze del traffico estivo dal 17 luglio al 24 ottobre 1980, in sostituzione dell'esemplare I-TIGI precipitato nel mese di giugno dello stesso anno. Rientrato nella flotta della SAS, venne successivamente ceduto alla Thomson il 17 gennaio del 2000 immatricolato come F-WVTH, che lo utilizzò come piattaforma sperimentale volante. Successivamente ceduto alla Thales il 2 aprile 2003 immatricolato come F-GVTH, impiegato nello stesso modo. Ritirato dal servizio e accantonato a Bordeaux nel 2010.